Comò

Carabinieri minacciati per la morte di Di Gioia: due arresti a Poggiofranco

E’ successo nella notte in via Mazzitelli. Il viceministro Sisto invoca l’arrivo dell’Esercito. La sorella di Cristian: giustizia e non vendetta

Hanno offeso e minacciato di morte una pattuglia dei carabinieri, accusandoli della morte di Christian Di Gioia, il giovane deceduto in un incidente stradale a Bari. E’ successo la scorsa notte, nel quartiere Poggiofranco, in via Orfeo Mazzitelli. I militari del nucleo radiomobile erano in servizio. Un 57enne ha iniziato a sbeffeggiarli. A dargli man forte, il fratello, 46 anni, che si e’ avvicinato prendendo a pugni il lunotto posteriore dell’auto dei carabinieri, e rompendolo. Entrambi sono stati identificati e sottoposti agli arresti domiciliari con le accuse di minaccia, resistenza e danneggiamento.

Sulla vicenda del corteo e’ intervenuta anche la sorella di Cristian Di Gioia, Clementina, che ha affidato il suo pensiero ad una lettera sul suo profilo Facebook. Sostiene che siano state dette cose non vere e tante cattiverie sul conto del fratello, che loro come famiglia desiderano giustizia e non vendetta. Chiede inoltre scusa per il corteo funebre davanti al carcere, lo definisce “un errore da parte degli amici determinato dal dolore per la scomparsa di Cristian, ma – dice – non e’ stato un atto mafioso. La morte di mio fratello – aggiunge – ha provocato dolore non solo in tante famiglie ma anche tra gli amici, tra coloro che gli volevano bene. Cristian non era un boss, come qualcuno ha detto. Sono sicura, conclude, che la giustizia fara’ il suo dovere”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Potrebbe interessarti anche:

Divella
Megamark

Scopri il meteo

Tutte le previsioni aggiornate della tua zona!

Oroscopo

Scopri cosa ti riservano le stelle