Barletta: silos nel porto, al via la demolizione

  |  BARLETTA (BT)  -  giovedì 1 ottobre 2020 - 21:49

Tutta l'area interessata verrà riqualificata, rendendo la banchina, ulteriormente attrezzata e polifunzionale per ospitare, oltre ai traffici commerciali, anche piccole navi

di Giovanni Di Benedetto
Barletta: silos nel porto, al via la demolizione

Sono iniziate oggi le operazioni di demolizione dei silos granari nel porto di Barletta. Si tratta di una costruzione formata da cilindri in cemento risalente al giugno del 1973, utilizzati per lo stoccaggio di grani e cereali fino al febbraio del 2018. I lavori di smantellamento, che dureranno cerca tre mesi, sono il risultato di un accordo sottoscritto fra l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e l'azienda Silos Granari della Sicilia del gruppo Casillo titolare di una concessione demaniale che aveva manifestato la volontà di restituire aree e beni che coprono una superficie di circa 2.000 metri quadrati. Tutta l'area interessata verrà riqualificata, rendendo la banchina, ritenuta strategica dall’autorità di sistema per il porto di Barletta, ulteriormente operativa, attrezzata e polifunzionale per ospitare, oltre ai traffici commerciali, anche piccole navi da crociera. Nei mesi scorsi alcuni giovani ingegneri avevano ipotizzato un uso diverso dei silos, portando ad esempio quelli granari di Foggia riconosciuti dalla Soprintendenza ai Beni architettonici “sito di archeologia industriale di interesse storico e artistico”.

indietro

Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.