Bari, fece uccidere pusher in presenza della figlia: condannato a 25 anni

CRONACA  |  BARI (BA)  -  giovedì 13 febbraio 2020 - 15:12

Rinaldi avrebbe incaricato Stefano Annoscia, di 28 anni, di uccidere Cammisa che, al momento dell'omicidio, era sul letto in compagnia della figlia di 5 anni.

di Redazione Norbaonline
Bari, fece uccidere pusher in presenza della figlia: condannato a 25 anni

La Corte di Assise di Bari ha condannato Donato Rinaldi, ritenuto il capo clan della mafia di Altamura, a 25 anni di reclusione. L'uomo è imputato come mandante dell'omicidio volontario con l'aggravante mafiosa di Francesco Cammisa, pusher famoso nella zona, ucciso ad Altamura il 16 giugno 2014. Rinaldi avrebbe incaricato Stefano Annoscia, di 28 anni, di uccidere Cammisa che, al momento dell'omicidio, era sul letto in compagnia della figlia di 5 anni. Sia mandante che esecutore dell'omicidio sono stati arrestati dai carabinieri un anno fa e sono tuttora detenuti.

 

 

indietro

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.