Lecce, Digos indaga su attacco a stand Lega in piazza

CRONACA  |  LECCE (LE)  -  domenica 19 maggio 2019 - 17:19

Nello scontro e' rimasta ferita e ricoverata in ospedale. Indaga la Questura

di Stefania Congedo
Lecce, Digos indaga su attacco a stand Lega in piazza

Rischia di degenerare a Lecce lo scontro politico dopo quanto avvenuto questa mattina in piazza Sant’Oronzo, dove un gruppo, composto da una decina di presunti appartenenti all’area antagonista, dopo un diverbio con alcuni militanti della Lega impegnati a diffondere sotto un gazebo ( regolarmente autorizzato) del materiale informativo , hanno divelto la struttura facendola cadere per terra, strappando volantini e vessilli del Caroccio. L’aggressione è avvenuta intorno alle 11.30 quando sotto il gazebo si trovavano simpatizzanti insieme ad alcuni candidati e al coordinatore cittadino Mario Spagnolo. Durante le fasi concitate del parapiglia sarebbe rimasta contusa ad un occhio anche una ragazza di 17 anni che si trovava nei pressi dello stand insieme al padre militante. Portata al pronto soccorso del Vito Fazzi è stata refertata con otto giorni di prognosi. Sul posto sono arrivati gli agenti della Questura ma il gruppetto si era già dileguato. Sull’accaduto stanno indagando gli agenti della Digos al cui vaglio sono i filmanti di alcune telecamere pubbliche e private di video sorveglianza che avrebbero ripreso tutte le fasi dell’aggressione. Ad agire sarebbe stato un gruppo di giovani , tra cui anche delle donne. 

indietro

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.