Andria, sequestro di beni per una coppia accusata di spaccio

  |  ANDRIA (BT)  -  giovedì 15 novembre 2018 - 14:46

Nell'ultimo decennio l'uomo ha praticato traffico di marijuana in maniera continua

di Redazione Norbaonline
Andria, sequestro di beni per una coppia accusata di spaccio

La Guardia di Finanza ha sequestrato beni per un valore di 500mila euro a 2 coniugi andriesi accusati di reati di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti. Il provvedimento cautelare, finalizzato alla confisca, e' stato disposto dal gip del Tribunale di Trani al termine delle indagini coordinate dalla Procura. Il provvedimento cautelare ha riguardato dodici immobili ubicati in Andria, tra cui un casolare ed una villa sita in Castel del Monte, due case, magazzini e depositi, sei terreni, tre autovetture, nonche' disponibilita' finanziarie (conti correnti e carte di credito) per un valore complessivo di 523.900 euro. All'origine del sequestro, un'indagine patrimoniale del Nucleo Mobile della Compagnia di Andria che ha consentito di individuare un cospicuo patrimonio, frutto dell'illecita attività, in parte indirettamente intestati dai coniugi ai propri familiari ma, di fatto, nella loro disponibilità. Dalle indagini e' emerso come l'uomo nell'ultimo quindicennio abbia svolto con continuità un'attività di traffico di marijuana da cui ha tratto un importante e cospicuo profitto, reimpiegato poi, cosi' come accertato dagli accertamenti patrimoniali, per l'acquisto di beni mobili ed immobili.


Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.