Valenzano: suocero non uccise genero

  |  VALENZANO (BA)  -  giovedì 1 novembre 2018 - 00:16

70enne assolto per non aver commesso il fatto

di Enza Calitri
Valenzano: suocero non uccise genero

Assolto per non aver commesso il fatto. Per i giudici della Corte di Assise di appello di Bari, il 70enne Rocco Lagioia, nell'ottobre del 2014, non uccise il genero, Alessandro Leopardi, il cui cadavere fu trovato carbonizzato e ridotto in frammenti nelle campagne di Valenzano. La vittima era un ex testimone di giustizia. Lagioia fu condannato dalla Corte di Assise a 16 anni di reclusione. In appello, la procura generale, aveva chiesto il riconoscimento dell'aggravante della premeditazione e la condanna a 24 anni di reclusione. I difensori dell'imputato hanno sostenuto l'assenza di tracce delle vittima nel luogo dove, secondo la ricostruzione, du ammazzato leopardi e hanno contestato l'orario presunto della morte, avvenuta quando l'imputato era altrove.


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.