Un '900 di impegno e disincanto tra Pasolini e Rino Gaetano

  |  LECCE (LE)  -  sabato 27 ottobre 2018 - 10:33

Un interessante saggio di Annibale Gagliani ricostruisce il percorso musicale e letterario di quattro grandi figure del secolo scorso

di Giuseppe Di Matteo
Un

Il rombo si dilata e si comprime, a seconda dei punti di vista, con un andamento che ricorda la riproposizione alla moviola di uno schema calcistico. Attenzione però: il pallone non c’entra. A prendersi la scena, infatti, non è una squadra vogliosa di disegnare le sue trame geometriche sul rettangolo verde, ma il Novecento italiano, raccontato nella sua veste più disincantata da quattro “fuoriclasse” che, attraverso la loro arte, hanno vagheggiato il sogno di un nuovo Umanesimo lasciando un’impronta indelebile nelle generazioni successive.

A metterli l’uno di fronte all’altro è un’interessante ricerca di Annibale Gagliani, giovane giornalista salentino, che nel suo saggio “Impegno e disincanto in Pasolini, De André, Gaber e R. Gaetano” (I Quaderni del Bardo, 297 pp., 15 euro) ha scelto di lasciarsi guidare dalla fiaccola dell’eresia. È questa infatti, sottolinea lo scrittore, la caratteristica principale che accomuna figure tra loro diversissime eppure capaci di demolire con la stessa franchezza i miti del proprio tempo e, in particolare, i demoni della società dei consumi.

Nel “rombo narrante” concepito da Gagliani, Pier Paolo Pasolini è il primo anello di una catena che attraversa la seconda metà del secolo scorso incrociando i destini di Fabrizio De André, "il poeta dei carruggi”, e Giorgio Gaber, acerrimo nemico di una cultura sempre più degradata a industria e ribattezzato, non a caso, “l’Adorno del Giambellino” (sono  fortissimi nei suoi monologhi musicali gli echi della Scuola di Francoforte), per poi concludere il suo percorso con le ballate graffianti e ironiche di Rino Gaetano, ingiustamente bollato come cantore del nonsense e che qui viene restituito nella sua dimensione più autentica di “poeta del senso interiore”.

Uno schema tutt’altro che casuale. Perché il racconto di Gagliani altro non è che un banchetto raffinatissimo, e per nulla improvvisato, dove ci si guarda negli occhi e si passa il testimone. Se Pasolini, “il cardine del disincanto italiano”, getta il seme del suo pensiero eretico già nelle borgate romane (Ragazzi di vita risale al 1955) e nei decenni successivi lavora ai fianchi della società borghese (di cui viene demolita ogni certezza) e del mito illusorio del ’68 (è questo infatti il nerbo concettuale degli Scritti Corsari e delle Lettere Luterane), spetta a Fabrizio De André il compito di farsi megafono delle suggestioni dell’intellettuale friulano attraverso il timbro poetico della sua chanson di origine popolare, che canta il dolore dei diseredati oscillando tra cultura alta e dialettale (per Pasolini, infatti, il dialetto è l’ultimo scudo da opporre all’omologazione della lingua e dei costumi).

Ma l'eredità delle riflessioni pasoliniane è evidente anche nella filosofia musicale di Gaber, che nei suoi spettacoli teatrali mette in scena la supremazia della parola e si scaglia senza pietà contro quel “fascismo dei consumi” che  lo scrittore friulano aveva intravisto con largo anticipo (si riascolti, per esempio, il brano L’obeso). Chiudono il cerchio i versi  dissacranti e scanzonati di Rino Gaetano: valgano per tutti le canzoni straordinarie Gianna, che affronta il tema della rivoluzione dei costumi facendosi beffe del bigottismo imperante, e Aida, indimenticabile epitaffio su note di un Novecento sostanzialmente irrisolto, che  fanno del cantautore calabrese l’ultimo erede di “un’epopea del tricolore” ancora attuale in un’epoca che sembra aver smarrito i suoi modelli.

È questo l’insegnamento più importante del saggio di Gagliani, che con  disarmante scioltezza ci invita a rileggere chi ha ancora qualcosa da dire.


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.