Bari, respinto ricorso al Tar di Giancaspro

  |  BARI (BA)  -  martedì 9 ottobre 2018 - 11:59

Nuova tegola per l'ex presidente del Bari Calcio

di Giovanna Bruno
Bari, respinto ricorso al Tar di Giancaspro

Nuova tegola per l’ex patron del Bari Cosmo Giancaspro, ai domiciliari dal 26 settembre scorso perché accusato del crac da 10 milioni di euro della Finpower. In questo caso è la giustizia amministrativa a dar torto a Giancaspro che agli inizi di settembre aveva presentato un ricorso al Tar chiedendo che fosse annullata la procedura con cui il Comune aveva affidato il titolo sportivo alla Ssc Bari e che il San Nicola fosse restituito alla vecchia società, la Fc Bari. Con una sentenza firmata dal presidente della prima sezione Angelo Scafuri il Tar ha dichiarato inammissibile il ricorso di Giancaspro per difetto di legittimazione e di interesse. In pratica i giudici amministrative scrivono che il Comune ha seguito la procedura corretta sia nell’affidamento del titolo sia per l’affidamento temporaneo dello stadio. Tra le carte del procedimento amministrativo depositate agli inizi di ottobre si scopre che Giancaspro aveva anche presentato una domanda di iscrizione al campionato di serie D. Lo stadio indicato – scrivono i giudici – è quello di Terlizzi, che, a parare delle toghe "appare persino sovraqualificato per l’attività calcistica agognata" dalla Fc Bari. "La Ssc Bari – è scritto nella sentenza – è da considerata a tutti gli effetti la nuova squadra di calcio della citta".


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.