Cursi: Pappadà dispiaciuto per non aver ucciso tutti

  |  CURSI (LE)  -  martedì 2 ottobre 2018 - 07:54

Confessione choc dell'uomo che ha ucciso tre vicini di casa

di Alessio Casulli
Cursi: Pappad dispiaciuto per non aver ucciso tutti

Non è affatto pentito, anzi, dispiaciuto per non aver sterminato l'intera famiglia. E' la confessione choc di Roberto Pappadà, il 57enne di Cursi che venerdì scorso ha ucciso a colpi di pistola tre vicini di casa, padre, figlio e zia, al culmine dell'ennesima lite per una questione di parcheggio. Davanti al Gip l'uomo ha detto che il suo proposito era quello di eliminare tutti coloro che considerava suoi nemici, compresa la mamma che "purtroppo", ha sostenuto davanti al gip, "è riuscita a scappare". Al giudice, Pappadà ha anche confermato la premeditazione, spiegando che il progetto di sterminare la famiglia era nato un anno fa quando, durante un litigio per strada, Andrea Marti, la più giovane delle vittime, lo aveva strattonato mettendogli le mani al collo. A confermare questa tesi, il fatto che nel caricatore c'erano cinque proiettili: due per Andrea e uno a testa per i suoi parenti. Nessuna spiegazione, invece, su come si sia procurato la pistola. Oggi il magistrato conferirà al medico legale l'incarico per eseguire le autopsie.


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.