Conte a S. G. Rotondo: San Pio ha avuto prospettiva visionaria

ATTUALITÀ  |  SAN GIOVANNI ROTONDO (FG)  -  venerdì 21 settembre 2018 - 22:15

Il premier ha ricevuto la cittadinanza onoraria nella città in cui è cresciuto

di Redazione Norbaonline
Conte a S. G. Rotondo: San Pio ha avuto prospettiva visionaria

"Con il Governo stiamo varando un programma di riforme in cui confido che tutti potranno essere orgogliosi. Mi batterò perchè tutti noi possiamo essere sempre orgogliosi di essere italiani e del futuro che attende i nostri figli e i nostri nipoti". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte dopo aver ricevuto la cittadinanza onoraria di San Giovanni Rotondo, cittadina del Gargano in cui è cresciuto. "In questo luogo”, ha ricordato, “ci sono già stato, avevo i calzoncini corti. Mio padre Nicola venne in avanscoperta, ci trasferimmo da Foggia. Iniziai a scoprire San Giovanni, mi inerpicai lungo quella strada, quei tornanti che mi davano un senso di mistero. Ho scoperto un paese che poi lentamente si è sviluppato. Era la dimensione di sobrietà assoluta che mi colpì tanto. Vi confesso che man mano che sono cresciuto ho avvertito sempre piu' forte il richiamo a questa terra e l'apparenza a questa città". "Gli impegni professionali ed accademici mi hanno tenuto fuori. Ma questi impegni non mi terranno lontano. Oggi, con questo riconoscimento, avete creato un ricongiungimento tra la forma e la sostanza".

"Non saremmo dei buoni governanti se pensassimo a varare riforme senza tenere in ordine i conti. Non siamo una banda di scalmanati come qualcuno ci vuol descrivere in maniera strumentale. Dobbiamo tener conto di questo grande debito ereditato ma ciononostante ci stiamo impegnando per realizzare tutte le riforme annunciate", ha aggiunto il presidente del consiglio. "La fumata bianca scaturisce ogni volta che ci incontriamo. La fumata bianca è già iniziata. È ovvio che bisogna curare tanti passaggi e tanti dettagli e ci sono tante riforme da considerare che stiamo inserendo come parte della manovra. Perchè questo Paese deve essere rilanciato con riforme strutturali".

"A Salisburgo ho sollecitato i partner Ue rispetto alla necessità che vengano attuati prima possibile i principi affermati lo scorso giugno. Ho trovato molta attenzione ma ora è il momento di concretizzare un meccanismo di gestione collettiva e condivisa", ha continuato il premier Conte. "Quel che mi ha colpito di San Pio è stata la sua semplicità e la sua umiltà. San Pio ha vissuto in un perimetro di qualche metro quadrato la sua vita. Ha contribuito alla ricchezza di questo paese. Ha avuto una prospettiva visionaria. Si è mantenuto umile. È rimasto saldo nella convinzione e nella capacità di poter ascoltare gli altri. Ho una concezione laica dello Stato, che deve riconoscere al fenomeno religioso la sua importanza. Per quel che riguarda i valori evangelici non trovo contrasto tra una responsabilità politica e il Vangelo quando quest'ultimo è intriso dei valori comuni. Dobbiamo creare un ambiente depurato da corrotti e da disonesti". Parlando della sua infanzia a San Giovanni Rotondo, ha detto che "sono stati anni bellissimi perchè non c'era internet e ci si guardava negli occhi. Ma ci si divertiva con poco. Studiavamo, facevamo tanto sport e ci divertivamo a chiacchierare".

"I decimali della manovra saranno numeri che inseriremo alla fine. Prima scriviamo le riforme, prima valutiamo l'impatto economico e sociale di queste riforme e poi traiamo le conclusioni". Ha detto ancora il premier Giuseppe Conte. "Sulla crescita non ci possiamo accontentare di queste misure, come 0,9% o 1,1%", sottolinea il premier che conclude: "Dalle riforme ci aspettiamo un volano della crescita. I numeri della povertà in Italia non mi fanno dormire la notte", ha sottolineato il presidente del Consiglio parlando delle riforme che, con la manovra, il governo vorrà mettere in campo "per andare incontro ai cittadini in difficoltà. Questo Paese ha potenzialità enormi per crescere. La cosa più bella è che un giovane non sia costretto a lasciare il proprio paese per cercare lavoro. Viaggiare è importante, ma non si devono rinnegare mai le proprie origini e io lavoro per questa prospettiva", ha concluso il premier Giuseppe Conte a San Giovanni Rotondo.


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.