Trani: controlli ai cacciatori sulla Murgia, 3 condanne

CRONACA  |  TRANI (BT)  -  venerdì 21 settembre 2018 - 20:41

Pene comprese tra i 3 anni e mezzo e i 2 anni e mezzo di reclusione

di Redazione Norbaonline
Trani: controlli ai cacciatori sulla Murgia, 3 condanne

Pene comprese tra i 3 anni e mezzo e i 2 anni e mezzo di reclusione sono state inflitte dal tribunale di Trani ad un vice sovrintendente dell’ex Corpo forestale dello Stato e a due guardie venatorie volontarie del Wwf, coinvolti nel 2008 nell’ambito di un’inchiesta partita dalla morte, successiva ad un infarto, di un cacciatore 82enne originario di Riccione, durante una perquisizione avvenuta nelle campagne di Spinazzola il 6 novembre del 2005. Si tratta di Raffaele Stano, per il quale il giudice monocratico Paola Buccelli ha disposto una condanna a tre anni e mezzo, Moisè Mario Salvatore Checchia e Pasquale Salvemini, a due anni e mezzo, accusati di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. I tre sono stati assolti invece dall’accusa di aver falsificato i verbali di sommarie informazioni stilati subito dopo la morte del cacciatore insieme a due guardie venatorie volontarie. Molte delle accuse mosse dalla procura di Trani sono cadute in prescrizione. Secondo quanto accertarono le indagini dei carabinieri alcuni degli imputati erano “animati da intenti persecutori nei confronti dei cacciatori” e li avrebbero sottoposti a controlli “connotati da spregiudicata vessatorietà, aggressività e sproporzionata invasività”.


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.