Ilva, Assennato: ''non ci sarà valutazione danno sanitario''

  |  TARANTO (TA)  -  mercoledì 12 settembre 2018 - 10:48

L'ex direttore Arpa Puglia commenta l'accordo con Arcelor Mittal e i sindacati al Mise

di Redazione Norbaonline
Ilva, Assennato:

 "Un addendum è di solito una proposta migliorativaed è positiva l'anticipazione di una serie di scadenze del piano ambientale Ilva. Importante, poi, è che rifaranno la caratterizzazione sotterranea dei suoli. Ci sono aspetti
inquietanti: non è vero che non si parla di valutazione del danno sanitario correlata all'inquinamento ma se ne parla a sproposito". Lo ha detto Giorgio Assennato, ex direttore generale Arpa Puglia, commentando l'accordo sull'Ilva tra Arcelor Mittal e sindacati al Mise. "Al ministero dell'Ambiente comandano i direttori generali e uno di questi, Lopresti, ha sempre negato di fare una valutazione del rischio sanitario dentro l'Autorizzazione integrata ambientale, ha affermato Assennato riferendosi all'Ilva. Su tratta di una presa per i fondelli scrivere nell'accordo che l'affittuario, Arcelor Mittal, si obbliga a cooperare con Arpa e Asl al fine di aggiornare la valutazione del danno sanitario con criteri indicati dal decreto ministeriale di aprile 2013. Ma questo non ha alcuna possibilità di diminuire il rischio. Tutti vogliono sapere quale è il rischio sanitario delle emissioni? Si dice: rispettando il decreto dell'aprile 2013. Che però stravolge la linea della Regione circa la valutazione, sostanzialmente riproponendo il criterio del mero rispetto dei limiti ambientali di qualità dell'aria"."Ma mentre la valutazione regionale ha sostenuto Assennato, si poggia su due strumenti, uno sanitario ed epidemiologico e l'altro ambientale col decreto di aprile 2013, è separata la parte sanitaria da quella ambientale. Stando a tali criteri, la valutazione sanitaria non conduce ad una revisione dell'Autorizzazione integrata ambientale. Si riapre l'Aia solo se si dimostra se c'e' un peggioramento, un superamento, per quanto attiene gli inquinanti che incidono sulla qualita' dell'aria urbana."Le Agenzie regionali vivono una situazione bruttissima, ha rilevato Assennato: da un lato dicono che la situazione sanitaria è brutta in quanto a malattie e patologie, e dall'altro tutto si blocca perchè gli inquinanti sono nei valori consentiti". "L'addendum all'accordo al Mise aggrava quindi le cose. Prendere in giro una popolazione che oggettivamente che avverte il rischioche corrisponde ad un vissuto, non e' una
cosa normale".


Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.