Ilva, Di Maio: ''Stato deve garantire serietà di chi subentra''

  |  TARANTO (TA)  -  venerdì 10 agosto 2018 - 11:45

Il Vicepremier torna a parlare di Ilva durante una visita a in Toscana

di Redazione Norbaonline
Ilva, Di Maio:

" Sull'Ilva, aspettiamo il parere dell'avvocatura. Qualsiasi piano è volto a tutelare la salute dei cittadini di Taranto e i livelli occupazionali. Lo Stato deve essere molto attento quando un privato subentra a un altro privato nella gestione di un'azienda. Se questi tavoli si gestiscono al Mise è perché lo Stato deve garantire che sia un soggetto credibile". Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se ci sia un piano B per l'Ilva, a margine di una visita al presidio dei lavoratori Bekaert di Figline Valdarno"Io per l'Ilva sto accertando quello che non è stato accertato per la Bekaert di Figline Valdarno, ha aggiunto Di Maio, ovvero sto accertando la serietà del soggetto che sta subentrando, la serietà della gara fatto dallo Stato e la serietà del piano occupazionale e di quello ambientale". Intanto alcune associazioni di Taranto si chiedono come sia possibile che lo stabilimento abbia la certificazione 'UNI EN ISO 14001' (standard internazionale che fissa i requisiti di un sistema digestione ambientale) per impianti per i quali non è garantita nemmeno la conformità normativa. "Come si evince dal sito di Accredia, spiegano le associazioni,  Ilva spa in amministrazione straordinaria è certificata per gli impianti di Taranto dall'organismo accreditato IGQ  per tutte le attività connesse alla produzione di acciaio da ciclo integrale. Ci è legittimo, evidenziano, manifestare seri dubbi sul rilascio e mantenimento di tale certificazione". "Secondo la nuova versione del 2015 della certificazione 'UNI EN ISO 14001', un sistema di gestione ambientale conforme, sostengono i referenti del Piano Taranto, non può prescindere dal coinvolgimento delle parti interessate e dal rispetto delle aspettative delle stesse, ne' puo' eludere reclami di natura ambientale. "Per questo, concludono, ci attendiamo e chiediamo di essere coinvolti in questa fase di passaggio o ci sentiremmo autorizzati a procedere avviando ufficialmente iter di reclamo previsti nei sistemi di accreditamento europeo ed italiano".


Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.