Matera, rinviata udienza preliminare del crollo in vico Piave

  |  MATERA (MT)  -  martedì 31 ottobre 2017 - 13:31

Fissata per il 20 novembre l'udienza di Camera di consiglio per altre 6 persone coinvolte nell'inchiesta

di Alessandro Boccia
Matera, rinviata udienza preliminare del crollo in vico Piave

Udienza preliminare questa mattina in tribunale a Matera a del procedimento a carico di nove persone, tra proprietari di immobili, tecnici e titolari di imprese, tecnici e dirigenti del Comune di Matera coinvolti a vario titolo nel crollo di due edifici in vico Piave, avvenuto l'undici gennaio del 2014. Oggi c’è stata la costituzione delle parti civili, dinnanzi al gup Angela Rosa Nettis. Nel crollo morirono due persone: Dina Antonella Favale e Vito Nicola Oreste, quest'ultimo morto giorni dopo in ospedale. I reati ipotizzati vanno dall'omicidio colposo al crollo di costruzioni, ai delitti colposi di danno nella realizzazione di opere, che avrebbero indebolito le strutture e per aver omesso controlli o per ritardi nella valutazione dei rischi segnalati, nella fase precedente al crollo degli immobili. Lo stesso giudice ha rinviato a lunedì prossimo l'udienza necessaria a consentire alle parti di interloquire sulla costituzione delle parti civili. Ha fissato, inoltre, al 20 novembre l'udienza di camera di consiglio per la discussione all'opposizione di proscioglimento, avanzata dal pm Annunziata Cazzetta, nei confronti di altre sei persone coinvolte nell'inchiesta. 


Ultime 24 ore

Ora in onda

Seguici su Facebook

Telenorba 40
Guarda tutti i nostri programmi che hanno fatto storia, un tuffo nel passato da rivedere dalla prima all'ultima puntata.

Programmi tv
Tutti i nostri programmi tv ora in onda, da rivedere dove e quando vuoi, sempre disponibili e sempre con te.

Informazione
Resta sempre aggiornato con tutte le nostre rubriche di informazione, moda e tendenze.

Radionorba
Rivedi i nostri speciali, dalle interviste ai tuoi artisti preferiti a Battiti live, segui i nostri speciali di San Remo e molto altro ancora.