ATTUALITÀ   TARANTO (TA)  -  martedì 1 maggio 2018 - 21:17

Mamme Tamburi, ''giustizia per nostri figli''

Abitanti quartiere a ridosso Ilva, bambini non possono giocare

Mamme Tamburi, ''giustizia per nostri figli''

"I figli dei Tamburi chiedono giustizia". E' lo striscione srotolato sul palco del Concertone del primo maggio tarantino dalle mamme del rione a ridosso dell'Ilva, riunite nel movimento "Tamburi combattenti". Hanno testimoniato le preoccupazioni per la salute dei propri figli e in generale di tutti i tarantini a causa delle emissioni inquinanti del siderurgico, specie durante i Wind days, i giorni di forte vento proveniente da nord ovest che trascina sul quartiere le polveri minerali dell'Ilva e costringe gli abitanti ad adottare particolari precauzioni. "Nonostante tutto", ha gridato sul palco Celeste Fortunato, portavoce del movimento Tamburi Combattenti, "noi oggi siamo qui. Noi non possiamo portare i nostri figli nei parchi a giocare perché i terreni sono contaminati, noi non possiamo stendere il bucato se prima non puliamo i balconi" "Le nostre case", ha continuato, "facciamo fatica a tenerle pulite e sono state svendute e svalutate. D'estate, quando è indispensabile tenere le finestre aperte, i piedini dei nostri figli diventano neri e d'inverno, quando le finestre sono chiuse, le polveri e i fumi, s'insinuano ugualmente, ci bruciano gola e polmoni e abbiamo una costante paura di ammalarci".







Tag: ilva, mamme, tamburi

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv