POLITICA   -  domenica 28 gennaio 2018 - 18:52

Elezioni, le reazioni alle liste dei candidati

Il governatore pugliese: "Dopo le elezioni il partito va ricostruito"

di Redazione Norbaonline
Elezioni, le reazioni alle liste dei candidati

Così non si può più andare avanti", Emiliano si dice "addolorato" per il progetto attuale del Pd. "Era nato come un progetto
plurale e aperto, una forza politica dove le minoranze venivano rispettate. E invece ora è diventato un partito come gli altri".
Michele Emiliano esprime così la sua amarezza. "Renzi si è chiuso per dieci giorni in una stanza con le liste, aggiungendo e togliendo con la penna. Io ci ho parlato più volte, inutilmente. Anche perchè sono state calpestate tutte le regole dello Statuto, che prevede un preciso iter. In questo caso invece le liste non sono state neppure presentate per intero, tanto che le stanno ancora modificando". "Ora inizia la campagna elettorale, nel corso della quale dovremo spiegare alle persone che non votare il Pd non è il modo per distruggere Renzi" ha aggiunto. Tra gli interventi post presentazione candidature si registra anche la posizione di Antonio Di Pietro che dichiara: "Il Pd mi aveva supplicato di candidarmi. Poi, all'ultimo momento, hanno deciso di escludermi, avevo accettato la candidatura, ma mettendo in chiaro una cosa: non avrei mai votato a favore di nessun inciucio con Berlusconi. Renzi ha preferito perdere un collegio piuttosto che avere tra i piedi qualcuno che potesse dire 'no' all'accordo col centrodestra".





Tag: partito democratico, elezioni, emiliano

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv