CRONACA   TRANI (BT)  -  giovedì 11 gennaio 2018 - 17:45

Trani, ''crac'' Don Uva: no costituzione parte civile contro Azzollini

Respinta la richiesta dell'Ente da parte del Tribunale di Trani

di Giovanni Di Benedetto
Trani, ''crac'' Don Uva: no costituzione parte civile contro Azzollini

Il tribunale di Trani ha respinto, per motivi formali, la richiesta di costituzione di parte civile dell’ente Casa divina provvidenza nei confronti del senatore Antonio Azzolini e dell’ex direttore generale Antonio Albano, accogliendola invece per tutti gli altri 12 imputati nel processo sul crac da 500milioni di euro del “don Uva” di Bisceglie, con sedi anche a Foggia e Potenza, adesso acquistato dalla società “Universo salute”, definito dagli inquirenti un “pozzo senza fondo”, L’udienza, nel corso della quale sono stati ascoltati due commissari giudiziali e un ufficiale della guardia di finanza che condusse le indagini, è stata aggiornata al prossimo 25 gennaio. Altre udienze fissate per il 1 e il 22 marzo. il 23 gennaio, invece, prosegue il processo con la formula del rito abbreviato nei confronti di altri 4 imputati. A giugno del 2015, lo ricordiamo, furono arrestate 9 persone ritenute a vario titolo responsabili del crac figlio di un vero e proprio “assalto del malaffare” secondo i magistrati all’indomani della richiesta di fallimento dell’ente. Rispondono, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta e associazione a delinquere. Tra questi ci sono il senatore Antonio Azzolini, per il quale fu richiesto l’arresto rigettato da Palazzo Madama e annullato dal Tribunale del riesame di Bari, l’ex direttore generale Dario Rizzi e la ex madre superiore della congregazione delle ancelle della Divina Provvidenza suor Marcella Cesa.





Tag: casa divina provvidenza, azzollini, don uva

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv