ATTUALITÀ   BARI (BA)  -  sabato 30 dicembre 2017 - 17:35

Ilva: Regione e Comune propongono modifica Dpcm

Emiliano: “Fino ad allora resta ricorso e sospensiva può essere reiterata”

di Redazione Norbaonline
Ilva: Regione e Comune propongono modifica Dpcm

"Un atto giuridicamente rilevante che modifichi il Dpcm che contiene il Piano ambientale Ilva nella direzione richiesta da Regione Puglia e Comune di Taranto": è quanto proporranno il governatore Michele Emiliano e il sindaco Rinaldo Melucci sulla base "della disponibilità del Mise" ad elaborare un documento in questa direzione. L’annuncio oggi a Bari, dopo una riunione con i rispettivi staff tecnici che si è tenuta nella sede della Regione.

Ma fino alla stipula di questa intesa, il ricorso al Tar "non verrà ritirato". E la richiesta di sospensiva revocata, ha detto Emiliano, "potrà essere reiterata, se si blocca la trattativa". "Ora”, ha spiegato il governatore, “aspettiamo la convocazione dal presidente del Consiglio Gentiloni, perché io e il sindaco di Taranto gli andremo a consegnare le ipotesi su cui intendiamo lavorare, e chiediamo al presidente del Consiglio che dia personalmente gli indirizzi di lavoro ai vari uffici tecnici", perché la sua "terzietà è l'unica garanzia della buona prosecuzione del lavoro". Emiliano ha aggiunto che nel Dpcm "ci sono moltissimi vizi", e "ci stavano chiedendo di revocare gli atti di impugnativa per evitare che questa illegittimità fosse dichiarata dal Tar". "Noi”, ha precisato il presidente della Regione Puglia, “pensiamo invece che questi profili di illegittimità possano essere corretti con un atto giuridicamente rilevante che vincoli governo, Regione, Comune, l'acquirente e i sindacati all'accoglimento, in tutto o in parte, delle osservazioni avanzate da Regione e Comune".

"Per la Regione Puglia oggi Taranto è una sorta di linea del Piave. Non possiamo fare un passo indietro rispetto al nostro diritto-dovere di tutelare la salute dei cittadini tarantini", ha sottolineato Emiliano. “Siamo consapevoli che esiste il modo per fare funzionare una acciaieria in modo tale che non uccida. E stiamo perseguendo, con grande disponibilità e spirito di approccio scientifico, ogni strada percorribile per mettere insieme la salute cittadini e le esigenze economiche strategiche del paese". "A noi”, ha concluso il governatore, “interessa trovare una soluzione. E questa forza di sostenere questa vicenda così complessa, ci è stata fornita dai cittadini di Taranto, e delle città vicine, che subiscono direttamente del conseguenze degli errori tragici commessi nel passato".

Quanto a una possibile richiesta di accelerare gli interventi di ambientalizzazione, Melucci ha detto che "dalle analisi dei nostri tecnici, dopo il tavolo istituzionale romano, siamo saliti a una quota di migliorie tecnologiche e di tempistica proposte dalla comunità locale, pari quasi al 20% delle potenzialità dell'Aia". "Se alziamo un po' quella asticella”, ha concluso il primo cittadino, “è più facile per tutti che si chiuda in fretta".





Tag: ilva, emiliano, melucci

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv