sport   BARI (BA)  -  lunedì 27 novembre 2017 - 10:34

Pmi in Puglia: il futuro passa dall'e-commerce

Il mercato italiano è cresciuto da 21 a 26 miliardi tra il 2015 e il 2016

Pmi in Puglia: il futuro passa dall'e-commerce

Si è tenuto lunedì 13 Novembre a Bari un evento dedicato a imprenditori e manager di imprese dal titolo “E-commerce: dove si incontrano Marketing e Logistica”. Un'occasione importante per parlare del futuro delle piccole e medie imprese pugliesi, dei benefici dell'e-commerce per la crescita delle realtà economiche e della logistica legata al commercio in rete. Temi che uniti agli aspetti di promozione e marketing diventano fondamentali in un economia sempre più competitiva e globalizzata.

Un evento organizzato da LogisticSolutions e che ha messo allo stesso tavolo imprenditori ed esperti di soluzioni logistiche e marketing per parlare di come si avvia e consolida un'azienda che vuole entrare nel mondo dell'e-commerce. Ma anche un'occasione per discutere di esperienze d'eccellenza e di casi concreti da cui partire per declinare le peculiarità del commercio online alla realtà pugliese.

E-commerce che è ormai la strada obbligata per quelle piccole e medie imprese che vogliono restare competitive in un mercato sempre più globalizzato. Le Pmi, però, sono ancora indietro, nonostante la crescita del volume d'affari italiano veicolato attraverso la rete e influiscono poco sul settore. È quanto afferma la recentissima ricerca "Luci e ombre del commercio online in Italia", dalla quale emerge che il mercato italiano è cresciuto, passando dai 21 miliardi di euro del 2015 ai 26 miliardi del 2016. Una crescita in cui le realtà più piccole, vero e proprio tessuto economico nazionale, hanno influito poco. "... è su questo fronte che sarebbe opportuno impiegare la maggior parte delle risorse pubbliche e private", ossia sugli incentivi per le PMI, ha sottolineato Carlo Milani, direttore di BEM Research e docente all’Università degli Studi Roma Tre di Corporate and Investment Banking. Milani che ha individuato anche una possibile soluzione per ridurre il gap con gli altri Paesi Europei, ossia creare un portale web istituzionale che promuova il made in Italy nel mondo mettendo in evidenza le eccellenze dei vari territori.

Nonostante restino vincoli culturali, soprattutto nelle fasce d'età più anziane, che impediscono di accedere a Internet o di reputarlo un mezzo utile per aumentare competitività e dimensioni di un business, le opportunità di crescita per le piccole e medie imprese non mancano. Sia a livello informatico-infrastrutturale che logistico, con i principali corrieri espressi che negli ultimi anni hanno creato servizi specifici pensati appositamente per rispondere alle esigenze di velocità e sicurezza che caratterizzano il commercio in rete.

Nel primo ambito si moltiplicano i CMS e-commerce per creare con pochi semplici passi un negozio online valido e competitivo. Prestashop, Magento, ma anche software e-commerce alternativi come OpenCart sono soltanto alcuni dei programmi che permettono anche a chi ha conoscenze informatiche di base di aprire il proprio e-commerce. Soluzioni semplici che unite alla presenza sui più famosi marketplace come eBay e Amazon diventano elementi imprescindibili per il successo commerciale delle PMI. Per farsi un'idea delle nuove possibilità di organizzazione della logistica, invece, è sufficiente visitare piattaforme di comparazione delle spedizioni come Packlink, in grado di presentare le migliori tariffe per ogni tipo di spedizione e realtà aziendale.

É proprio dai servizi che i principali corrieri espressi nazionali e internazionali come UPS dedicano esclusivamente all'e-commerce che arrivano importanti opportunità di crescita. Servizi che prevedono il ritiro della merce, l'invio nei tempi rapidi che il commercio online richiede, l'automazione di tutti i processi di spedizione, il tracking internazionale, le tariffe agevolate per i negozi in rete. Opportunità come quelle presentate dal corriere ups su Packlink e dagli altri principali spedizionieri che riducono i costi per le piccole realtà commerciali permettendo loro di essere più competitive nelle consegne.

Competitività e potenzialità che non mancano alle PMI pugliesi. Soprattutto in quanto a conoscenza delle dinamiche della rete e alfabetizzazione digitale. Basti pensare che l' 89,5% delle imprese regionali utilizza internet, secondo i dati di una recente ricerca di Confindustria Digitale. Un dato incoraggiante e vicino alla media nazionale. Ma quello che potrebbe davvero fare la differenza per le realtà economiche regionali è l'importante rete infrastrutturale. Secondo i dati contenuti nel Rapporto I-Com 2017 su reti e servizi di nuova generazione, presentato a Roma a fine ottobre, è proprio la Puglia a guidare la classifica italiana di sviluppo e copertura della banda ultralarga, davanti a Lazio, Calabria e Sicilia. Una copertura con connessioni di ultima generazione che tocca l'87% delle unità immobiliari, a fronte di una media nazionale ferma al 72,3%.

Le infrastrutture ci sono, così come le innovazioni nei fondamentali campi dell'informatica e della logistica delle spedizioni: alle imprese pugliesi e alle istituzioni il compito di valorizzare i punti di forza e le particolarità di un territorio che ha poco da invidiare a realtà ben più celebrate.

 





Tag: pmi, e-commerce, LogisticSolutions

live tv e radio

I canali del Gruppo Norba in diretta

  • tn8
  • radionorba
  • radionorbatv